L’Italia Prima e Dopo Parigi

CLIMA ED ENERGIA

Di Monica Tommasi

Si apre a Parigi, il 30 novembre, la 21a Conferenza delle parti,COP 21, una scadenza presentata come ultimo appello per il destino del pianeta di fronte alle minacce di catastrofici mutamenti climatici innescati dalle emissioni di CO2 originate dalle attività umane negli ultimi due secoli. Cosa cambierà con questa scadenza per le politiche dell’energia e dell’ambiente in Italia?

Diario della Cop 21

COSE SERIE E MENO SERIE DETTE A PARIGI

di Beniamino Bonardi

Crediamo di fare cosa utile offrendo una raccolta di quelli che ci sono sembrati - scontando l’inevitabile soggettività - i fatti e gli interventi più significativi (ma anche i più ironici) in ciascuno dei tredici giorni che è durata la Conferenza sui cambiamenti climatici e in quelli immediatamente precedenti.

Spremila bene!

Per un succo di arancia più equo!

L'80% di tutto il succo d'arancia venduto in Europa è prodotto in Brasile. Il 66% del succo è venduto dai supermercati come marchio proprio. Mentre i rivenditori di tutta Europa fanno enormi profitti derivanti dalla vendita di succo d'arancia con il marchio proprio, la maggioranza dei lavoratori e dei contadini che raccolgono e trattano le arance e il succo vivono in povertà. La produzione del succo di arancia è anche distruttiva per l'ambiente, perché l'industria fa un uso eccessivo di pesticidi.

  • banner_astrolabio2_2020.png

Tweet

Amici della Terra

RT @EnvDefenseEuro: How can we achieve the European Green Deal objectives by reducing #methane emissions? What mix of robust regulation and…

 
  • copertina libro small

La raccolta degli scritti più significativi dell’esperienza ambientalista di Mario Signorino consente di ripercorrere oltre 40 anni di storia degli Amici della Terra, una delle prime associazioni ecologiste italiane, protagonista di una stagione di battaglie e di conquiste epocali, dall’opposizione al nucleare al completamento del sistema di governo dell’ambiente in Italia. Il filo conduttore della storia è la lotta per l’affermazione di una politica riformista per l’ambiente capace di superare gli storici divari del Paese e di realizzare davvero uno sviluppo sostenibile responsabile verso il pianeta, i suoi abitanti e il suo futuro.

 

Info e vendita